Lettera aperta alle pantere rosa

Condividi:

Care Pink Panters, apprezziamo da sempre le vostre battaglie negli Stati Uniti in favore dei diritti delle donne nei luoghi di lavoro e nella società americana.
Queste battaglie fanno bene alle donne americane, ma anche alle donne e agli uomini di tutto il mondo. Di ciò vi ringraziamo di tutto cuore. Desideriamo però esprimere il nostro parere riguardo alle vostre colorite manifestazioni degli ultimi giorni sia a Washington che in diverse altre città americane.
In queste vostre manifestazioni avete protestato contro il nuovo Presidente Donald Trump per le sue posizioni sessiste, mentre avete inneggiato al Presidente uscente Barack Obama e alla sua protetta candidata sconfitta Hillary Clinton. Dobbiamo confessarvi che non siamo d’ accordo su questa vostra impostazione, che però riteniamo sia dovuta alla cattiva informazione, di cui siete state e continuate ad essere vittime per colpa dei media statunitensi.
Infatti la propaganda dei media vi ha nascosto accuratamente negli anni che Barack Obama ha portato il mondo sull’ orlo della Terza Guerra Mondiale.
I fatti sono ben noti: colpo di Stato in Ucraina, ammassamento di missili e carri armati della NATO ai confini della Russia, la politica dissennata in Medio Oriente, guerra e disastrosa crisi umanitaria in Siria, crescita dell’ ISIS, terrorismo e crescita del flusso dei migranti in Europa. Tutte responsabilità gravissime di Barck Obama, che voi osannate, forse in ricordo dell’ immeritatissimo Premio Nobel per la Pace, a lui consegnato nel 2009. Viceversa Donald Trump ha promesso di stabilire nuovi rapporti con la Russia, di ridimensionare la NATO, di ridurre la presenza dei militari USA in Medio Oriente, insomma tutte azioni che vanno nel verso del rafforzamento della pace. Staremo a vedere se Trump manterrà le sue promesse. Per il momento, care Pantere, vi pregheremmo di uscire dalla gabbia del pregiudizio, di non farvi strumentalizzare dalla propaganda dei media e di usare maggiore attenzione nel valutare i fatti per quello che sono.

Cordiali saluti e auguri di buon lavoro!

F.T.

Condividi: