Provincia: report dalle catacombe

Condividi:

Riunione d’ insediamento della nuova Provincia di Novara a seguito nomina dell’ 8 gennaio u.s.( 24.01.2017 dalle ore 10.15 alle 11.00 – Sala consiliare- Novara).
Si insediano i nuovi Consiglieri Provinciali( n. 12), nominati dai Sindaci e dai Consiglieri Comunali degli 88 Comuni della provincia di Novara.
Una vera e propria autonomina! Presiede il precedente Presidente della Provincia Matteo Besozzi, che dovrebbe rimanere in carica per altri due anni, nell’ipotesi, viceversa assai probabile, che non venga sfiduciato prima.
L’ atmosfera è surreale, perché la Provincia è un ente sopravvissuto al referendum del 4 dicembre u.s. Infatti, se avesse vinto il SI (e meno male che ciò non è avvenuto), l’ente Provincia semplicemente sarebbe stato automaticamente cancellato in tutta Italia, e quindi anche a Novara.

Da questo inizio poco promettente, con i Consiglieri sorpresi di trovarsi lì, la riunione prende un aspetto piuttosto catacombale, nonostante la presenza di un folto pubblico attento, curioso e, data la situazione, incline all’ ilarità. Spieghiamo perché. A parte il peccato originale di non essere stata votata dai cittadini, risulta agli atti che la Provincia avrà a disposizione un bilancio della metà di quello degli anni passati (circa 50 milioni € contro il precedenti 100), avrà un organico circa metà che in precedenza (circa 100 dipendenti contro i precedenti 200). Tutti si chiedono, a parte le belle parole, che cosa sarà realmente in grado di combinare questa Provincia, così ridotta al lumicino.

Come ciliegina sulla torta, risulta che Besozzi non ha la maggioranza in Consiglio Provinciale, disponendo soltanto di quattro Consiglieri su dodici. E qui, come il coniglio dal cappello del prestigiatore, sboccia il colpo di scena di questa commedia: sette Consiglieri non- PD, cioè tutta la cosiddetta opposizione meno uno, si dichiarano pronti a sostenere Besozzi a patto che faccia il buono! Tutti gli ” oppositori” vogliono fare l’ ago della bilancia, beninteso a condizioni da concordare! Il papocchio è preannunciato!
Ultima pennellata: Besozzi, non essendo al momento in grado di conferire le deleghe necessarie per ambiente, scuole e strade, assume su di sè il carico totale del governo della Provincia. Auguri! Passando dal faceto al serio, anzi al tragico, bisognerà stare molto attenti a che cosa combinerà questa Provincia circa la chiusura della discarica di Ghemme, il riscaldamento delle scuole della Provincia, le buche e le strisce nelle strade provinciali.

Prossimo appuntamento sarà l’ approvazione del bilancio preventivo 2017.
Ne vedremo delle belle!

F.T.

Condividi: