Trasparenza su debitori insolventi delle banche

Condividi:

In Italia accadono cose incredibili. L’ultima riguarda la crisi di alcune banche italiane, dovuta all’insolvenza, ai danni delle stesse banche, di parecchi debitori che non hanno restituito i prestiti a loro concessi.
Non si tratta di poca cosa, ma di un buco di circa 20 miliardi €.
Per fronteggiare la crisi e per ripianare questo buco finanziario delle banche coinvolte, il Governo e il Senato che cosa fanno? Il Governo, anziché intervenire presso le direzioni di queste banche per conoscere l’elenco dei debitori insolventi, vuole prendere i 20 miliardi € dalle tasche degli italiani all’insegna del motto aureo: “privatizzare i profitti, socializzare le perdite”.
Il Senato, dal canto suo, invoca la “privacy” per negare la pubblicazione dell’elenco dei debitori insolventi. Per fortuna, di fronte a questo incredibile obbrobrio, è insorta un’associazione nazionale dei consumatori che si è rivolta alla magistratura per richiedere l’elenco completo dei debitori insolventi e per denunciare gli stessi del reato di concorso in bancarotta fraudolenta ai danni dei risparmiatori, insieme alla richiesta del sequestro dei beni delle società e delle persone fisiche coinvolte. Inoltre, molti cittadini hanno chiesto di conoscere l’elenco dei politici, che hanno votato per negare la diffusione dell’elenco dei debitori insolventi.

Riteniamo che su questa vicenda, esempio negativo di pessima politica, debba svilupparsi un ampio dibattito pubblico.

F.T.

Condividi: