#M5S #Scuola

Condividi:

di Movimento 5 Stelle

 

Il 15 marzo 2013 è stato il nostro primo giorno in Parlamento.

160 cittadini senza impegno politico né appartenenza politica alle spalle sono entrati nelle istituzioni. Fin da quel primo giorno, insieme ai colleghi di commissione Cultura, abbiamo iniziato a occuparci del più grande problema della scuola pubblica italiana: il precariato endemico e stratificato del personale docente e ATA. Oggi, a quattro anni di distanza, otteniamo un risultato storico, ovvero il riconoscimento della professionalità del personale docente abilitato con percorsi TFA e PAS.

La bozza di parere elaborata dall’on. Ghizzoni, che ringrazio per il lavoro svolto, è stata presentata ieri sera in commissione Cultura. Per quel che concerne la fase transitoria, la nostra proposta è stata recepita quasi integralmente.

Chiedevamo, nell’immediato, l’assunzione dei docenti GAE e GM 2016, superando il limite ingiusto e incostituzionale del 10% stabilito dalla legge 107.

Chiedevamo di procedere all’inserimento di tutti gli abilitati in graduatorie di merito regionali a scorrimento per l’immissione in ruolo su tutti i posti vacanti e disponibili e in base al fabbisogno reale delle scuole.

Chiedevamo che l’anno di prova venisse rafforzato in modo da consentire una reale valutazione da parte delle commissioni delle competenze relazionali e metodologiche degli insegnanti.

Chiedevamo certezze e percorsi prioritari e agevolati per i docenti di terza fascia con servizio e il blocco dei percorsi abilitanti costosi e inutili.

Tutto ciò è stato accolto nel parere di maggioranza, anteponendo finalmente il buon senso, la tutela della continuità didattica e il bene degli studenti alle prese di posizione aprioristiche e ideologiche portate avanti in questi anni con la legge 107. Grande merito va oggi a quei docenti che in questi mesi hanno rappresentato i loro colleghi nelle audizioni e nei continui incontri formali e informali.

Noi ce l’abbiamo messa tutta.

Due anni fa abbiamo presentato la nostra proposta di legge sul reclutamento che includeva una fase transitoria e una fase futura molto simili a quanto sta per essere approvato con questo parere e che potete leggere a questo link:

http://www.camera.it/…/leg17/…/stampati/pdf/17PDL0029780.pdf

Resta ancora molto lavoro da fare da qui in avanti: procedere ad un piano assunzionale per l’infanzia e la primaria, riconoscendo la professionalità di laureati in SFP e diplomati magistrale, e ad un piano assunzionale per il personale ATA anch’esso precario da troppo tempo.

Bisogna lavorare sulle classi di concorso in esubero, evitando che le graduatorie di merito previste da questo decreto impieghino troppi anni per essere smaltite. Bisogna finalmente iniziare a ragionare a lungo termine e non più in maniera estemporanea sulle situazioni emergenziali.

Ma oggi si compie un primo importante passo in avanti nella direzione che abbiamo sempre auspicato.Il M5S molto probabilmente ritirerà il parere alternativo a mia prima firma presentato ieri in commissione, a dimostrazione del fatto che quando la politica fa uno sforzo reale nella direzione della condivisione delle proposte con i cittadini il M5S riconosce questo sforzo.

A riveder le stelle!

Beppe Grillo MoVimento 5 Stelle

Condividi: