#5giornia5stelle 132° puntata, 4 agosto 2017

Condividi:

Ultimo appuntamento prima della pausa estiva con 5giornia5stelle.

Come di consueto in questo periodo pre-feriale le camere sono impegnate nell’approvazione dei loro bilanci. E’ il momento per discutere in aula dei privilegi dei parlamentari e provare a tagliarli. Alla Camera ciò è accaduto solo in parte: la presidente Boldrini ha infatti ritenuto inammissibile discutere dell’abolizione dei vitalizi arrivando a cacciare dall’aula Alessandro Di Battista. Questa decisione grave e motivata in modo grossolano dalla Presidente della Camera ha dato luogo alla protesta del MoVimento 5 Stelle che ha deciso di uscire dall’aula e di non esprimere dichiarazione di voto. Ascoltiamo gli interventi di Luigi Di Maio, Riccardo Fraccaro e dello stesso Di Battista.
Al Senato invece Cappelletti ha elencato tutte le proposte che il MoVimento 5 Stelle ha fatto, tra cui quella del taglio delle spese per i gruppi parlamentari, tutte bocciate dalla maggioranza del Partito Democratico.

Ci spostiamo con le nostre telecamere nella sede romana della stampa estera dove Davide Casaleggio ha presentato la nuova veste grafica di Rousseau che presenta una importante novità: l’accessibilità per i non iscritti a due aree del sito: lex e call to action.

Uno dei temi caldi di questa settimana è senz’altro la missione in Libia che è stata approvata dal Parlamento con il voto contrario del MoVimento 5 Stelle che, negli interventi di Angelo Tofalo alla Camera e Bruno Marton al Senato, non solo si dichiara scettico circa i reali obiettivi dell’operazione guidata dalla Francia, ma che sopratutto teme ripercussioni sulla sicurezza interna del nostro Paese.
Sempre sul tema dei rapporti con la Francia ascoltiamo una informativa urgente di Andrea Vallascas alla Camera in cui il governo viene accusato di essere totalmente succube rispetto alla Francia e quindi, da un lato, di aver consentito acquisizioni di asset strategici come Telecom Italia da parte di aziende transalpine e dall’altro di non essere in grado di proteggere gli interessi italiani quando, è il recente caso di Fincantieri, aziende nostrane provano ad acquisire compagnie d’oltralpe.
Al Senato viene approvato in via definitiva il dl sulla concorrenza. Un provvedimento concepito per essere aggiornato annualmente e che invece non veniva approvato dal 2009. A Gianluca Castaldi il compito di affermare con forza il no per il provvedimento dalle mancate promesse e che palesa in modo evidente come la maggioranza sia vittima del potere delle lobby e sacrifichi gli interessi dei cittadini a vantaggio dei gruppi di potere.

Sempre al Senato ascoltiamo ancora una volta il capogruppo del MoVimento 5 Stelle Cappelletti, stavolta per accusare il Partito Democratico di voler affossare il provvedimento che abolisce i vitalizi: la maggioranza ha infatti votato contro la calendarizzazione urgente del dl Richetti proposto dal MoVimento 5 Stelle.

Il 2 agosto è ricorso l’anniversario di una delle più atroci pagine della storia del terrorismo nero del nostro Paese. Parliamo dell’attentato di Bologna e delle promesse non mantenute ai familiari delle vittime con Matteo Dall’Osso.

 

5giornia5stelle vi saluta con un invito a Rimini nel weekend dal 22 al 24 settembre prossimi ed a donare anche un piccolissimo contributo per coprire le spese dell’evento a questo indirizzo internet: http://bep.pe/donaperitalia5stelle
Arrivederci a settembre.

Buona estate a tutti.

Condividi: