TRASPORTO – Studenti lasciati a piedi, disagi e ritardi. Quali penali? Interrogazione in regione ed esposto all’Authority Trasporti”

Condividi:

Studenti lasciati a piedi

Gravi disagi per gli studenti delle superiori di Novara e provincia. La prima campanella di inizio delle lezioni è ormai suonata da giorni, ma le aziende del trasporto pubblico operanti nel capoluogo ed in provincia sembra non se ne siano accorte. I Bus cittadini in questa prima settimana hanno lasciato sul marciapiede la metà degli studenti che volevano salire facendo perdere coincidenze per i comuni fuori città con ritardi elevati. Come è possibile? Non ci sembra difficile stimare gli studenti che escono dalle scuole in determinati orari, eppure sta succedendo tutto questo con regolarità negli orari di punta. Ieri addirittura alcuni studenti han dovuto attendere il passaggio di ben sei pullman, con cadenza ogni 30 minuti, prima di poter salire in direzione Arona. Tutto ciò è intollerabile e ci chiediamo se la Giunta Regionale e l’assessorato ai Trasporti stiano verificando il servizio retribuito dal contribuente e quali penali siano previste in casi del genere.

A nostro avviso vanno inserite pesanti sanzioni per ogni studente lasciato sul marciapiede. Questa situazione è aggravata dal fatto che la Regione ha praticamente sospeso la linea ferroviaria Novara Arona e il biglietto Bip non consente di scegliere in base alle esigenze se usare il treno o il pullman. Interrogheremo l’assessore regionale ai Trasporti chiedendo quali azioni intende intraprendere al fine di ripristinare un trasporto pubblico all’onore del mondo. Faremo un esposto all’Autorità di regolazione dei trasporti ufficio diritti degli utenti.

 

 

Gianpaolo Andrissi, Consigliere regionale M5S Piemonte

Condividi: