Luigi Di Maio candidato premier del MoVimento 5 Stelle per la riscossa degli italiani

Condividi:

di Luigi Di Maio

GRAZIE! Io vi assicuro che porterò avanti il mio compito con disciplina e onore, come prevede la Costituzione che abbiamo salvato a dicembre con il referendum costituzionale. Nei prossimi mesi l’Italia deve scegliere se continuare a sopravvivere o iniziare a vivere. E se vuole farlo dovrà scegliere un governo del MoVimento 5 Stelle, che sarà il Governo della riscossa degli italiani.

Da domani sarò impegnato a coinvolgere le migliori competenze ed energie di questo Paese per metterle al servizio di questo progetto. Io vi prometto che formeremo una squadra di Governo di cui essere orgogliosi per la prima volta nella storia.

Un grande grazie a Beppe Grillo e a Gianroberto Casaleggio per quello che hanno iniziato anni fa. Loro hanno dato inizio ad un sogno, voi sarete quelli che realizzeranno questo sogno portando il MoVimento 5 Stelle al governo di questo Paese.

È solo questione di mesi. Grazie a tutti!

Condividi:

Info utili per la prima giornata di #Italia5Stelle: indirizzo e orari di oggi

Condividi:

Oggi inizia Italia 5 Stelle! L’indirizzo corretto per arrivare alla location di Italia 5 Stelle è il seguente: Rimini Park rock, Via S. Martino in Riparotta, 18, 47922 Rimini RN. Impostatelo sui vostri navigatori per arrivare senza difficoltà. Potete anche seguire le indicazioni presenti sul sito per come arrivare, che sono riportate anche in fondo a questo post.
Gli orari della giornata sono i seguenti:
Convocazione volontari ore 15
Apertura cancelli ore 18
Accredito giornalisti ore 18
Apertura palco ore 19.30
Ci vediamo tutti insieme alle 18 a Rimini!
COME ARRIVARE
IN TRENO
Rimini è collegata alle principali destinazioni nazionali ed internazionali attraverso una fitta rete ferroviaria.
Arrivo a Rimini – Quadro orario stazione per stazione
Partenza da Rimini – Quadro orario stazione per stazione
IN AEREO
Il quartiere fieristico di Rimini è a soli quindici minuti d´auto dall´Aeroporto Internazionale di Rimini – San Marino “Federico Fellini”
(www.riminiairport.com)
IN AUTO E MOTO
Via S. Martino in Riparotta a Rimini. L’area è collegata alla rete autostradale A14, la Bologna-Bari-Taranto.
Le uscite più vicine alla Fiera Rimini sono: Rimini Sud (7 Km) e Rimini Nord (6 Km).
Consigliamo a tutti quelli che raggiungeranno Rimini in auto/moto/camper/bus di utilizzare l’uscita/entrata Rimini Nord, evitando quello più utilizzato di Rimini Sud su cui confluisce gran parte del traffico proveniente da e per il centro città.
Parcheggi:
I parcheggi che l’area Fiera Rimini mette a disposizione sono 8 mila, dislocati in prossimità dei tre ingressi della fiera. Sono parcheggi incustoditi.
Informazioni:
– Il servizio parcheggio é privato e a pagamento. Abbiamo pattuito con i gestori un pezzo speciale
– Le moto e i motorini avranno a disposizione un parcheggio in zona ovest
– Durante la notte non è possibile lasciare nessun autoveicolo o altro mezzo di trasporto presso l’area parcheggio
– I parcheggi apriranno un’ora prima dell’inizio dell’evento
– Per i disabili abbiamo riservato un’area gratuita in zona ovest a cui potranno accedere i veicoli in possesso del contrassegno disabili esposto e ben visibile (vedi mappa)
– L’ingresso dei camper e dei bus è segnato sulla mappa

Condividi:

Il candidato premier del MoVimento 5 Stelle: il voto

Condividi:

di MoVimento 5 Stelle

Oggi, giovedì 21 settembre, dalle 10 alle 19 è attiva su Rousseau la votazione per scegliere il Candidato Premier del MoVimento 5 Stelle e designando Capo della forza politica che depositerà il programma elettorale sotto il simbolo del MoVimento 5 Stelle per le prossime elezioni.

La lista dei candidati sottoposta alla votazione degli iscritti è la seguente:
Cicchetti Vincenzo
Di Maio Luigi
Fattori Elena
Frallicciardi Andrea Davide
Ispirato Domenico
Novi Gianmarco
Piseddu Nadia
Zordan Marco

Ogni iscritto al sito www.movimento5stelle.it entro la data del 1 gennaio 2017, abilitato ad accedere a Rousseau, maggiore d’età e che abbia certificato la sua identità tramite il caricamento di un proprio documento, può esprimere un solo voto a favore di un solo candidato.

I risultati della votazione saranno depositati presso due notai alla chiusa della votazione stessa, e saranno resi pubblici sabato 23 settembre dal palco di Italia 5 Stelle.

VOTA ORA SU ROUSSEAU!

Ps: Le prestazioni del Sistema operativo Rousseau sono condizionate dall’alta affluenza in contemporanea che si sta registrando.

 

Condividi:

1 a #Italia5Stelle: ci vediamo a Rimini!

Condividi:

di MoVimento 5 Stelle

Domani alle 18 apriranno i cancelli di Italia 5 Stelle! Ci sarà da subito libero accesso ai gazebo del MoVimento 5 Stelle: Piazza dei Sindaci, area delle Regioni, padiglioni Parlamento e Parlamento europeo e Villaggio Rousseau. Sempre alle 18 si inaugurerà l’area ludico sportiva con un piccolo torneo di calcetto cui parteciperanno portavoce europei, nazionali e comunali. A seguire sfide con le squadre di attivisti e gruppi locali che potranno iscriversi a Rimini.

Libera iscrizione anche al torneo di volley e al percorso a ostacoli (la parete del debito pubblico, il toro dell’onestà, i barattoli dei privilegi e dei vitalizi e il percorso della trasparenza). Musica di intrattenimento sarà suonata da prestigiose band locali che si esibiranno sul palco agorà non lontano dall’area food. I bambini saranno accolti nell’area bimbi e potranno partecipare ai laboratori senza bisogno di iscriversi con largo anticipo.

Alle 19.20 aprirà il palco principale con musica, ospiti e uno special guest: Gianluigi Paragone porta in scena lo spettacolo “Gang Bank”. Poi dj set e musica dalle 22 fino alla mezzanotte. I giorni successivi i cancelli apriranno alle 9. Sabato alle 19 avverrà la proclamazione del candidato premier e dei risultati della votazione di oggi. Qui trovate più dettagli sui programmi dei prossimi giorni.

Qui potete vedere la mappa dell’evento.
L’indirizzo preciso per raggiungerci è Rimini Park rock, Via S. Martino in Riparotta, 18, 47922 Rimini e qui le informazioni su come arrivare. Qui le indicazioni per dove alloggiare, se ancora non avete prenotato.

Ci vediamo domani alle 18 a Rimini!

Condividi:

Il ministro Martina mette a rischio etichetta trasparente, duro colpo per produttori piemontesi

Condividi:

 

Il Ministro all’Agricoltura Martina mette a rischio l’etichettatura trasparente per il riso piemontese. Anticipando il decreto, senza attendere i 3 mesi previsti per i pareri delle commissioni europee competenti, non solo c’è la concreta possibilità di vedere disapplicata questa importante norma sulla trasparenza, ma anche l’apertura contro l’Italia di una procedura d’infrazione con sanzioni che potrebbero ammontare a diversi milioni di euro.

L’errore del Ministero è un duro colpo per i risicoltori piemontesi che da anni subiscono la concorrenza sleale dei produttori del sud est asiatico ed hanno visto nell’etichettatura trasparente un modo per tutelare il riso piemontese garantendo ai consumatori un’informazione completa sul cibo che portano in tavola.

Anche il Piemonte, su impulso del Movimento 5 Stelle, ha fatto la propria parte approvando in Consiglio regionale un ordine del giorno, a prima firma Gianpaolo Andrissi, per introdurre l’etichetta trasparente dei prodotto su base regionale. Visto il fallimento nazionale chiediamo all’assessorato all’agricoltura di accelerare i tempi per predisporre l’etichetta trasparente piemontese.

La Regione faccia inoltre sentire la propria voce al Ministero chiedendo chiarimenti. Si è trattato di pressappochismo o c’è una regia politica dietro questo grossolano errore? Pretendiamo risposte dal Governo e vogliamo leggere gli atti dell’intera vicenda.

 

Gianpaolo Andrissi, Consigliere regionale M5S Piemonte

Mirko Busto, Deputato M5S

Condividi:

#NOVARA O #LASVEGAS?

Condividi:

In occasione dell’ultimo Consiglio Comunale il M5S di Novara ha presentato una mozione urgente riguardante un fenomeno purtroppo in continua crescita: il gioco d’azzardo e la ludopatia.
Urgenza motivata dai dati allarmanti che abbiamo ricevuto dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli: i numeri ufficiali del gioco d’azzardo nella nostra città evidenziano come, nel 2015, la spesa media annua nel solo Comune di Novara è stata di ben 1143,27 Euro per abitante, superiore quindi alla media piemontese che è di 1014 euro. È un dato statististico e va da sé che, tolti i bambini e chi non gioca, questa cifra diventa ancora più spaventosa: i Novaresi hanno speso nel 2015 quasi 120 milioni di Euro!!!
Il Sindaco Canelli ha recentemente firmato un’ordinanza sugli orari di funzionamento delle Slot e Vlt che permette l’accensione degli apparecchi 14 ore da domenica a giovedì e 15 ore al giorno venerdì sabato e prefestivi, nei limiti di una legge Regionale ancora carente e inadeguata per arginare il dramma sociale della malattia da gioco d’azzardo.
Alla luce dei dati da noi visionati e citati, ripetiamo cifre mostruosamente preoccupanti, riteniamo che la strada da percorrere sia quella tracciata da altri Comuni, come ad esempio Torino che hanno ridotto del 47% l’orario di accesso alle Slots rispetto a Novara.
Abbiamo chiesto con urgenza di adottare gli orari dei comuni più virtuosi, nello specifico dalle 14:00 alle 18:00 e dalle 20:00 alle 24:00, di avviare una campagna informativa
permanente per sensibilizzare i cittadini sul dramma della ludopatia, di incentivare economicamente i locali virtuosi che rinunceranno alle Slot e di convocare associazioni del settore e relative commissioni consiliari per discutere su come arginare la malattia da gioco d’azzardo a Novara.
La Maggioranza ha bocciato l’urgenza. Questa indifferenza si somma a quella che ha dimostrato nei confronti di altre urgenze che in passato abbiamo portato in Consiglio comunale: l’acqua al gasolio del Nido Girotondo, le trivelle in arrivo a Carpignano, 64 abitazioni da anni prive d’acqua perché hanno subito il distacco per morosità.
Sindaco Canellil Lei dovrebbe sapere che il futuro della nostra città non è una banconota qualsiasi da introdurre dentro una slot machine. Ricordiamo inoltre che Roberto Cota, ex Governatore del Piemonte e fino allo scorso anno segretario regionale di Lega Nord, in veste di avvocato assiste le società che gestiscono le sale giochi a Novara nel ricorso al Tar contro le ordinanze restrittive sugli orari, appunto.
Novara ha già duramente pagato in termini occupazionali la devastante diffusione del gioco quando, è il caso di ricordarlo, una delle nostre storiche realta’ economiche ha abbandonato il settore editoriale per investire in quello delle scommesse e del lotto.

Condividi:

SERVIZIO REGIONALE DA INCUBO, MA TRENITALIA DI FATTO NON PAGA LE SANZIONI. CONTRATTO CAPESTRO CHE ORA RISCHIA IL RINNOVO. LO DENUNCEREMO

Condividi:

 

Trenitalia – Piemonte, contratto capestro

Il contratto capestro di servizio tra Regione Piemonte e Trenitalia consente al gestore di non pagare penali. Come emerge dalla una recente determina della Giunta regionale in base ad una fattura del 2013 la Regione dovrà addirittura corrispondere a Trenitalia 16,8 milioni di euro. Guarda caso le penali per disservizi e ritardi riscontrati nel 2013-2014 che Trenitalia deve pagare all’ente arrivano a 16,1 mln di euro.

In pratica la Regione dovrà sborsare addirittura 700 mila euro ricorrendo a Fondi del Governo (FSC) che copriranno i 16,8 milioni di euro di debito. In pratica Trenitalia se la cava quasi con un “premio” dopo aver fatto patire ai pendolari continui ritardi e disagi. Ad oggi il bilancio dell’azienda in Piemonte è in attivo, ma non lo è certo per i pendolari che continuano a sopportare ritardi e inefficienze. E’ evidente quindi che il contratto stipulato, ed attualmente in vigore, preveda parametri inaccettabili, fin troppo favorevoli al gestore e senza adeguate tutele per i cittadini e la pubblica amministrazione.

Con quali criteri si è arrivati a questi numeri surreali? Chiederemo alla Giunta regionale il dettaglio del contratto e pretendiamo che, nel nuovo contratto ponte annunciato dall’assessore ai Trasporti Balocco, vengano introdotte sanzioni adeguate per i disagi provocati. Si tratterà di un importante banco di prova per l’assessorato ai Trasporti che ha il dovere di tutelare gli interessi dei pendolari. A che punto è la trattativa? Balocco da troppo tempo non affronta questo tema importante, vogliamo chiarezza e risposte.

 

Federico Valetti, Consigliere regionale M5S Piemonte

Vicepresidente Commissione regionale Trasporti

 

Condividi:

TRASPORTO – Studenti lasciati a piedi, disagi e ritardi. Quali penali? Interrogazione in regione ed esposto all’Authority Trasporti”

Condividi:

Studenti lasciati a piedi

Gravi disagi per gli studenti delle superiori di Novara e provincia. La prima campanella di inizio delle lezioni è ormai suonata da giorni, ma le aziende del trasporto pubblico operanti nel capoluogo ed in provincia sembra non se ne siano accorte. I Bus cittadini in questa prima settimana hanno lasciato sul marciapiede la metà degli studenti che volevano salire facendo perdere coincidenze per i comuni fuori città con ritardi elevati. Come è possibile? Non ci sembra difficile stimare gli studenti che escono dalle scuole in determinati orari, eppure sta succedendo tutto questo con regolarità negli orari di punta. Ieri addirittura alcuni studenti han dovuto attendere il passaggio di ben sei pullman, con cadenza ogni 30 minuti, prima di poter salire in direzione Arona. Tutto ciò è intollerabile e ci chiediamo se la Giunta Regionale e l’assessorato ai Trasporti stiano verificando il servizio retribuito dal contribuente e quali penali siano previste in casi del genere.

A nostro avviso vanno inserite pesanti sanzioni per ogni studente lasciato sul marciapiede. Questa situazione è aggravata dal fatto che la Regione ha praticamente sospeso la linea ferroviaria Novara Arona e il biglietto Bip non consente di scegliere in base alle esigenze se usare il treno o il pullman. Interrogheremo l’assessore regionale ai Trasporti chiedendo quali azioni intende intraprendere al fine di ripristinare un trasporto pubblico all’onore del mondo. Faremo un esposto all’Autorità di regolazione dei trasporti ufficio diritti degli utenti.

 

 

Gianpaolo Andrissi, Consigliere regionale M5S Piemonte

Condividi:

#NoiRinunciamoAlPrivilegio

Condividi:

di MoVimento 5 Stelle



Il D-Day dei partiti è giunto. Oggi deputati e senatori hanno maturato la loro pensione privilegiata a cui accederanno mentre tutti gli altri cittadini italiani saranno costretti ancora a lavorare per chissà quanti anni per avere un trattamento pensionistico misero. Quindi la maschera è caduta, dopo aver incagliato la “legge Richetti” nei banchi di nebbia del Senato, i parlamentari che sono al primo mandato otterranno la pensione a 65 anni – chi è al secondo o terzo giro a 60 anni – anche se per il resto della loro vita non faranno più nulla.

Noi no. I capigruppo del MoVimento 5 Stelle in Camera e Senato hanno firmato la rinuncia al privilegio a nome di tutti i nostri parlamentari. Con una lettera indirizzata ai presidenti delle due camere, Laura Boldrini e Piero Grasso, chiediamo di prendere atto della nostra volontà e di trovare il modo con cui si possa applicare, a tutti i portavoce del MoVimento, la legge Fornero. Esattamente come accade fuori dai palazzi dorati a tutti i cittadini italiani. Significa andare in pensione alla stessa età in cui ci vanno tutti i cittadini non privilegiati. Significa che i nostri portavoce dovranno continuare a lavorare per raggiungere la somma di contributi necessari ad accedere alla pensione. Esattamente come tutti gli altri.

“Non si può fare” ci diranno, perché sono coscienti che non avrebbero più scampo.Perché se lo può fare un portavoce del MoVimento, perché non lo possono fare anche gli onorevoli dei partiti? Ma tante volte ci siamo sentiti dire questa frase. Non si poteva fare di tagliarsi gli stipendi. Non si poteva fare di tagliare nettamente le spese degli affitti passivi di Montecitorio. Non si poteva fare di restituire le eccedenze delle diarie per il fondo del microcredito alle imprese.

E invece si può fare, eccome. Perché quando c’è da mettere la tagliola per regalare 7,5 miliardi a Bankitalia allora vale l’autodichia. Quando c’è da applicare il “canguro” per impedire il dibattito in Senato, allora vale l’autodichia. E allora se vale per tutti questi casi, deve valere anche quando si decide di rinunciare a un ingiusto privilegio. Oggi è l’armageddon dei partiti, non avrete scampo.

Condividi:

Italia5Stelle per tutti

Condividi:

di MoVimento 5 Stelle



Mancano pochi giorni alla quarta edizione di Italia 5 Stelle 2017 ed è quasi tutto pronto. Stiamo finalizzando gli ultimi dettagli per accogliere il maggior numero di partecipanti all’interno di un’area attrezzata! Sì, perché sappiamo che saremo numerosi anche quest’anno.

Vicino al palco sarà allestita una zona dedicata a coloro che soffrono di problemi motori e non e per i loro accompagnatori. Una zona che gode di una comoda vista, non distante dai bagni chimici speciali. Per accreditarsi al parcheggio dedicato e per l’accesso all’area bianca vi chiediamo di inviare una mail a italia5stelle2017@gmail.com specificando nell’oggetto “area bianca” e poi nome, cognome, giorni di presenza, tipo di disabilità, accompagnati o non accompagnati. I parcheggi dedicati verranno assegnati con priorità ai soggetti con disabilità motorie. Non serve prenotazione ma è obbligatorio esporre il pass personale.

Per scoprire tutto quello che c’è sapere su Italia 5 Stelle 2017 visita il sito che stiamo aggiornando giorno dopo giorno:
http://www.movimento5stelle.it/italia5stelle/index.html
Sostienici con una piccola donazione: http://www.movimento5stelle.it/italia5stelle/donazioni.html

Condividi: