#5giornia5stelle 137° puntata, 6 ottobre 2017

Condividi:

L’imbrogliellum (ossia il Rosatellum bis) apre il nostro consueto appuntamento settimanale con il resoconto dell’operato del Movimento 5 Stelle nelle istituzioni.

Danilo Toninelli ci spiega l’ultima versione della legge elettorale presentata in Commissione Affari Costituzionali della Camera. Un imbroglio ai danni degli elettori che non potranno scegliere, di fatto, chi li rappresenterà in Parlamento.

Da Palazzo Madama, Barbara Lezzi, rispondendo al Ministro dell’Economia Padoan. motiva con forza il no del MoVimento alle modifiche al Documento di Economia e Finanza (DEF).
La Commissione d’inchiesta sui crack bancari muove i primi lenti passi e Gianni Girotto ci informa che al netto di tante proposte del MoVimento 5 Stelle bocciate c’è una buona notizia: il presidente di commissione Casini ha promesso riunioni dell’ufficio di presidenza allargate ai capigruppo.
Ci spostiamo a Palazzo San Macuto dove, durante una audizione della Commissione di Vigilanza Rai, il Presidente Roberto Fico fa sapere che il MoVimento 5 Stelle si opporrà a qualsiasi ambiguità nei programmi della Rai da quei giornalisti che hanno preferito un contratto da artista per evitare il tetto degli stipendi. E’ il caso ad esempio di Bruno Vespa che non potrebbe dunque ospitare politici nel suo Porta a Porta nei periodi soggetti alla par condicio elettorale.
Spazio a due interventi della recente plenaria dell’europarlamento a Strasburgo. Ascoltiamo Fabio Massimo Castaldo sulla carente gestione dei migranti da parte dell’UE e Marco Valli che ancora una volta chiede per conto del M5S e dei cittadini italiani l’abolizione del Fiscal Compact.
Palazzo Madama ha votato favorevolmente al riconoscimento del linguaggio dei segni quale lingua propria di una comunità. Una occasione perduta di fare qualcosa di meglio secondo il gruppo cinquestelle che motiva la sua astensione con l’intervento in dichiarazione di voto di Manuela Serra.

Infine ascoltiamo Michela Montevecchi e Laura Castelli, a margine di un convegno, parlarci della straordinaria occasione di crescita economica che rappresenta il patrimonio culturale italiano.

Con questo è tutto. Appuntamento a venerdì prossimo con 5giornia5stelle.

 

Condividi: