#5giornia5stelle 140° puntata, 27 ottobre 2017

Condividi:

E’ la settimana nera della democrazia quella che sta terminando e che raccontiamo all’interno di questa edizione di 5giornia5stelle.

Non è un caso se il Presidente del Senato, Grasso, lascia il gruppo del Partito Democratico non riconoscendosi negli strappi istituzionali generati con il ricorso alla fiducia senza alcuna possibilità di modificare la legge elettorale, il Rosatellum, approvato in via definitiva da Palazzo Madama. Ora toccherà a Mattarella il peso della scelta di firmare il provvedimento o rimandarlo alle Camere per i vizi di incostituzionalità palesi, secondo il MoVimento 5 Stelle. L’apertura del nostro resoconto settimanale è inevitabilmente dedicata a questo tema. Ascoltiamo Beppe Grillo, Giovanni Endrizzi e Luigi Di Maio.
Ci spostiamo a Montecitorio per il question time al Ministro Padoan circa laconferma di Visco. L’intervento nell’aula della Camera è affidato a Carlo Sibilia.

Usciamo temporaneamente dalle aule parlamentari per ascoltare Alberto Airola parlare della Rai e delle gravi carenze che stanno contraddistinguendo la campagna elettorale siciliana, del tutto priva di approfondimenti giornalistici ad esempio sugli impresentabili nelle liste di tanti partiti.
Matteo Mantero e Massimo Baroni spiegano all’aula di Montecitorio i tanti motivi del no del MoVimento 5 Stelle al ddl Lorenzin, una occasione sprecata di rinnovare in senso democratico la sanità italiana e che invece è stato nel corso del dibattito trasformato in un regalo alle corporazioni.
Ignazio Corrao da Strasburgo annuncia l’impegno del MoVimento 5 Stelle per fare chiarezza sul caso del barbaro assassinio a Malta della giornalista Daphne Caruana Galizia.

Torniamo ancora nell’aula della Camera per ascoltare stavolta Filippo Gallinella motivare il si alla nuova legge che disciplina le concessioni demaniali e che ora aspetta il via libera definitivo del Senato.
Chiudiamo con l’incontro a Roma tra la Sindaco Virginia Raggi e l’ideatore della teoria Zero Waste, Paul Connett, nel corso del quale la prima cittadina della Capitale annuncia l’obiettivo differenziata al 70% fissato al 2021.

Anche per questa settimana è tutto, l’appuntamento è per venerdì prossimo.

Condividi: