Consorzio basso novarese non rispetta prescrizione del piano rifiuti. La regione non verifica e non controlla

Condividi:

L’assessore Valmaggia, in risposta alla nostra interrogazione sulla gestione dei rifiuti nel bacino novarese, non fa altro che avvalorare quanto abbiamo constatato: il capitolato  della gara d’appalto dei rifiuti indifferenziati non rispetta le prescrizioni vincolanti del piano rifiuti regionale. Eppure il piano è vincolante.

Lo sostiene la giunta stessa che infatti afferma che tutti “i soggetti preposti alla governance sui rifiuti sono dunque tenuti al rispetto degli obiettivi posti dal Piano regionale, sin dalla sua approvazione”.

Il problema che abbiamo riscontrato infatti è che il capitolato del consorzio basso novarese non prevede il trattamento in uno degli impianti di trattamento meccanico biologico siti  nell’area nord est della regione Piemonte dei rifiuti indifferenziati.

A questo punto ci chiediamo quindi come la regione intenda far rispettare il piano regionale a tutti i consorzi del bacino e come sia possibile che debbano essere le forze politiche a svolgere un ruolo di verifica che spetterebbe agli organi di controllo della Regione.

Ci chiediamo Inoltre se i piani che andiamo a redigere nel corso di mesi di lavoro in commissione e in aula abbiano senso e possano considerarsi degli strumenti utili per migliorare i servizi sul territorio piemontese.

 

 

Gianpaolo Andrissi, Consigliere Regionale M5S Piemonte

 

 

Condividi: