Grazie alle donne e agli uomini che hanno scelto di mettersi in gioco con il MoVimento 5 Stelle

Condividi:

di Vito Crimi

Candidarsi con il Movimento 5 Stelle non è cosa da poco. È un atto di coraggio, di passione civile, sacrificio, abnegazione. È impegno, studio, ascolto, proposta. È riconoscere il merito. Ed è consapevolezza di cosa ci aspetta: da quel momento i partiti e i loro comitati d’affari scateneranno i loro media al guinzaglio per ridicolizzarci, trovare un qualsiasi appiglio per delegittimarci, farci sembrare come e peggio degli altri. Da sempre è così.

Per trent’anni siamo stati governati da una classe dirigente che ha portato al potere e ai più alti livelli della pubblica amministrazione corrotti, mazzettari, lobbisti, pseudo-banchieri, falsari, condannati e criminali, perfino padri fondatori di partiti filo-mafiosi. Pensate: un intero parlamento ha detto che sì, quella poteva essere la nipote di Mubarak. Un intero parlamento ha salvato condannati dal carcere, ha rubato rimborsi elettorali ai cittadini ed elargito finanziamenti pubblici ai partiti, ha regalato miliardi a banche e gruppi editoriali, lanciando nel baratro lavoratori e risparmiatori, giovani, donne e pensionati, scuola e sanità pubblica, e poi l’ambiente sano in cui potremmo vivere, l’energia pulita di cui potremmo disporre e chi più ne ha più ne metta. Tutte risorse di inestimabile valore, bruciate da una manica di trafficanti di seggi e poltrone.

Ce li ritroviamo davanti ancora oggi senza che un solo quotidiano, o radio, o tg urli allo scandalo, pretendendone la cacciata, o si degni anche solo di informare i cittadini. No. Negli ultimi 5 anni, da quando siamo entrati in parlamento, il loro unico obiettivo è stato quello di affossare il Movimento 5 Stelle.

La nostra colpa? Portare una VERA opposizione, un VERO cambiamento, con delle VERE e buone idee, proposte, soluzioni. E sempre al servizio dei cittadini, unici nostri “padroni”. Insomma tutto ciò che abbiamo atteso per anni e nessuno è mai stato in grado di darci. In risposta a questa rivoluzione gentile, dai partiti e dalla stampa al seguito ci sono arrivati solo tentativi di compravendita, e poi insulti, fango, fake news. E chiunque osava parlare in nostro favore, anche solo avvicinarsi al Movimento, veniva subito accerchiato, isolato, vilipeso dal sistema. La povera Orietta Berti è solo l’ultimo, triste esempio, in pieno stile “Colpirne uno per educarne cento”.

Perciò oggi, chi sceglie di mettere la propria faccia, le proprie idee, risorse ed affetti al servizio di questa straordinaria avventura chiamata Movimento, è da difendere con tutte le nostre forze. Ci sono competenze, professionalità e risorse umane in questo Paese che i partiti non potranno mai più permettersi. Loro hanno scelto i soldi, le poltrone e la conservazione del potere. Noi abbiamo scelto i cittadini, il bene comune e la qualità della vita. Siamo l’unica speranza di ridare un futuro a questo paese.

Grazie, grazie e ancora grazie a tutte le donne e gli uomini con le mani libere che hanno scelto di mettersi in gioco con noi. Ora non molliamo, andiamo avanti tutti insieme!

da http://www.ilblogdellestelle.it

Condividi: