Referendum per l’autonomia del Piemonte

Condividi:

La proposta portata oggi in Consiglio Comunale dalla Lega, di adesione, da parte del Comune di Novara, al Comitato promotore per il referendum dell’autonomia del Piemonte, ha visto il voto favorevole del Gruppo Consiliare Movimento 5 Stelle. Il motivo principale è perché il referendum è uno strumento di partecipazione e di democrazia diretta che il M5S ha sempre sostenuto. Attenzione però! A noi NON interessa la Padania, né l’indipendenza in salsa leghista condita dai vecchi slogan a cui nessuno crede più (padroni a casa nostra, prima il Nord ecc…).

Abbiamo voluto affermare con questo voto che l’autonomia non deve essere usata come arma elettorale e che i cittadini vanno correttamente informati, non illusi su quali saranno i reali effetti di un esito referendario positivo. Temi come la sicurezza, l’immigrazione e il residuo fiscale devono restare fuori, chi li userà per sostenere il referendum lo farà sapendo di mentire! Deve essere altrettanto chiaro che l’obiettivo del referendum non potrà essere in alcun caso l’Autonomia intesa come separazione dei poteri tra Regione e Stato.

Abbiamo anche auspicato che non si arrivi a spendere la somma che la Regione Lombardia ha speso per il referendum, ben 50 milioni di euro, di cui 11 milioni spesi per 24.000 “voting machine”, una sorta di tablet voluti dal Presidente della Regione Lombardia Maroni ed usati per il voto elettronico; donati poi alle scuole, sono risultati inutilizzabili per gli studenti!

Il referendum è dei cittadini, non della Lega! Che sia ben chiaro questo!

Condividi: