CORSI DI NUOTO PER MIGRANTI TRA BUROCRAZIA E DISCRIMINAZIONE

Condividi:

Quanto avvenuto venerdì scorso allo Sporting, quando il Comune ha impedito che si svolgesse il corso di nuoto per migranti con un pretesto burocratico, è un episodio gravissimo e a nostro parere inqualificabile.
Il Movimento 5 Stelle esprime indignazione e condanna per questo gesto discriminatorio, aggravato dall’alibi dell’impedimento burocratico, (il corso sarebbe in contrasto col nuovo regolamento comunale sui corsi di nuoto).

I regolamenti devono sempre essere fatti rispettare, non solo quando torna comodo. E se ci sono ostacoli procedurali che impediscono ad una società sportiva di operare, è dovere di chi amministra superarli e trovare una soluzione.

Ricordiamo ai cittadini che il complesso sportivo del Terdoppio ospita molte associazioni e società sportive non in regola con i pagamenti dei canoni, né con le concessioni d’uso. Secondo i dati che sono stati forniti in commissione bilancio dall’ufficio competente, alla data del 31 dicembre 2016 il Comune di Novara vanta crediti per canoni di locazione ed uso degli spazi del complesso del Terdoppio per circa 350.000 euro, esclusa la Club House.

Parlando di palesi violazioni a regolamenti e norme, la situazione al 17 novembre 2017 era:

 

– 1 associazione che utilizza gli spazi dell’Arena con concessione scaduta al 31.12.2015.
– 1 associazione che utilizza gli spazi dell’Arena con concessione scaduta al 31.12.2016.
– 3 associazioni che utilizzano la piscina in stato di insolvenza con piani di rientro per alcune  migliaia di euro.

– 3 associazioni sportive che vi hanno stabilito la sede senza atti di assegnazione né richiesta di canoni.
Attendiamo dati recenti richiesti con un nuovo accesso agli atti.

Ora diteci se non sia più discriminante verso gli italiani che amministrazioni comunali di qualunque colore permettano che le strutture costate tasse e sacrifici dei cittadini vengano usate senza controllo e vengano trascurate fino a deteriorarsi, diventando un pozzo senza fondo per le spese di gestione e manutenzione! Del resto cosa possiamo aspettarci da un partito che ha ancora una volta candidato al senato Umberto Bossi, concedendogli l’immunità parlamentare dopo la condanna per truffa ai danni dello stato per 49 milioni di rimborsi elettorali? E che è da sempre alleato con Berlusconi, condannato per frode fiscale ed ineleggibile a norma di legge?
Noi vogliamo una città solidale ed inclusiva, dove nessuno debba rimanere indietro!
Ricordiamo che scatenare la guerra tra poveri non paga, soprattutto se chi la sobilla è esso stesso responsabile dei tagli alle spese per il sociale!

 

Gruppo Consiliare M5S Novara

Condividi: