COMITATI DI QUARTIERE: VOGLIAMO UN REGOLAMENTO CONDIVISO

Condividi:

Oggi in Conferenza dai Capigruppo abbiamo definito gli ordini del giorno da trattare in occasione del prossimo Consiglio Comunale.

Oltre agli equilibri di Bilancio, voteremo modifiche ai vari Statuti di Comune, Assa e Fondazione Coccia.

Gli argomenti saranno approfonditi dapprima nelle relative commissioni consiliari, per poi essere discussi e votati in Consiglio il giorno 24.

In merito alla modifica inerente al riconoscimento e regolamentazione dei comitati di quartiere, siamo convinti che siano (se apartitici) un importante incentivo alla partecipazione attiva dei cittadini nei processi decisionali e amministrativi della nostra Città.

Per questo serve lavorare insieme per strutturare un Regolamento chiaro, concreto e soprattutto condiviso da tutti.

Trasparenza e partecipazione sono i pilastri per ricostruire la fiducia nelle istituzioni.

Se i partiti o altri soggetti vorranno invece strumentalizzare questa importante occasione per torbidi fini meramente elettorali, gli stessi comitati saranno destinati ad un rovinoso e deleterio fallimento.
Quindi antenne dritte e in alto i cuori.

Gruppo Consiliare M5S Novara.

Condividi:

LISTE D’ ATTESA: MANCANO I DATI

Condividi:

A quattro anni dall’ insediamento l’assessore alla Sanità Saitta si presenta in Consiglio regionale senza numeri precisi sul reale stato delle liste d’attesa nelle ASL piemontesi. Una figuraccia esportata anche a Roma. Al Ministero della Salute, impegnato nella riduzione dei tempi su scala nazionale, per il Piemonte sono stati inviate tabelle con alcune timide azioni poste in essere dalle ASR che dimostrano le difficoltà della Regione e la mancanza di una regia complessiva per l’intero territorio.

Gli unici dati concreti su cui ragionare provengono dallo studio “Liste d’attesa = diritti negati” realizzato da IRES su mandato delle organizzazioni sindacali e pubblicato nel dicembre scorso. Dall’ analisi emerge una riduzione complessiva dei servizi erogati (visite e prestazioni mediche) alle quali però corrisponde, paradossalmente, un generale innalzamento dei tempi d’attesa.

Queste sono le conseguenze evidenti della mancanza di personale nelle varie ASL piemontesi, frutto delle mancate sostituzioni dei pensionamenti. Da questo ne deriva una crescente mobilità verso il privato puro o verso le regioni confinanti dove i sistemi sanitari funzionano meglio.

Chiederemo nel prossimo Consiglio regionale, con un ordine del giorno, l’attivazione di strumenti di analisi e rendicontazione pubblica delle liste di attesa, nonché un piano di comunicazione ai cittadini delle modalità di prenotazione e funzionamento della sanità piemontese.

 

Davide Bono, Consigliere regionale M5S Piemonte

Vicepresidente Commissione regionale Sanità

Condividi:

TEATRO COCCIA: LA MISURA È COLMA

Condividi:

Il Teatro Coccia è nel caos più totale.

Le modalità gestionali, attuali e passate, descritte dettagliatamente in commissione dalla Presidente del CDA Carmen Manfredda, unite alle notizie apprese dalla Stampa, non lasciano presagire nulla di buono. Sul Coccia, da quanto si evince dall’articolo, gravano ombre e sospetti molto pesanti che, se confermati, indicherebbero un utilizzo dei fondi della Fondazione a scopi privati.
Il M5S condivide in pieno ogni azione volta ad appurare e denunciare operazioni illecite o quantomeno poco chiare, lasciamo dunque che sia la Procura ad accertare eventuali reati.
In un momento in cui la Presidente Manfredda è accusata da più parti di eccesso di zelo, il M5S al contrario approva l’azione di una donna che non esita a chiedere che si faccia chiarezza sul modo di operare all’interno del Coccia.

Siamo convinti che lo Statuto della fondazione vada riformato nel più breve tempo possibile, al fine di ottenere una gestione più fluida, efficace, trasparente e partecipata e che porti velocemente alla nomina di un direttore abile e preparato.

Chiediamo di convocare le relative commissioni per rivedere le criticità dello Statuto in modo da portare nelle dovute sedi le nostre proposte.

Ricordiamo che è il Sindaco Canelli colui che detiene il potere di nominare 4/5 del CDA della Fondazione Teatro Coccia ed è quindi il momento che il Sindaco si prenda la responsabilità politica di ogni scelta, attuale e passata.

Non avalleremo certo una sua eventuale decisione di chiedere le dimissioni della Presidente, sia perché la stimiamo per i motivi illustrati prima, ma anche perché non siamo mai stati coinvolti nelle scelte fatte dal Sindaco, non vediamo dunque per quale motivo dovremmo condividere con lui la responsabilità di una scelta tanto delicata le cui conseguenze saranno esclusivamente a carico di Canelli.
Comunque è stato perso troppo tempo: questo disastroso stallo non è più tollerabile: il Teatro Coccia è una prestigiosa istituzione, patrimonio di tutti i cittadini Novaresi, che va tutelata cosi come i suoi dipendenti e gli addetti ai lavori.

 

Gruppo Consiliare M5S Novara

Condividi:

RIAPERTURA AL TRAFFICO BALUARDO QUINTINO SELLA

Condividi:

Il M5S è da sempre attento alla questione dell’inquinamento in città.

Preso atto della riapertura al traffico, dopo decenni, del Baluardo Quintino Sella compreso tra via Pier Lombardo e Largo Cavour abbiamo interrogato l’assessore competente sulle motivazioni di tale scelta e gli obiettivi prefissati.

La nostra preoccupazione riguarda in particolar modo il potenziale aumento del flusso del traffico in centro e al tempo stesso il conseguente peggioramento della qualità dell’aria che danneggerebbe ulteriormente le criticità ambientali che affliggono la nostra città.

Abbiamo inoltre richiesto chiarimenti su eventuali valutazioni riguardanti aspetti come l’incremento dell’inquinamento acustico, il degrado della pavimentazione stradale, il grado di soddisfazione di cittadini e commercianti, incidenti stradali ed effetto disincentivante dell’utilizzo dei mezzi di trasporto alternativi come bici e autobus.

In risposta alla nostra interrogazione l’assessore Moscatelli ci ha comunicato che la riapertura al traffico, in via sperimentale per 3 mesi, è stata decisa su richiesta dei cittadini residenti e per alleggerire la pressione del traffico nella zona e che al termine della sperimentazione saranno prese in considerazione le valutazioni da noi suggerite.

Rimaniamo comunque perplessi su questa decisione perché sicuramente non va nella direzione di disincentivare l’utilizzo delle autovetture private in favore dei mezzi sostenibili, inoltre pochi mesi fa sono state installate alcune telecamere per sorvegliare gli accessi al baluardo delle auto non autorizzate: sarebbe stato indice di buon senso rimandare l’installazione ad un secondo momento, valutate le azioni da intraprendere dopo la sperimentazione.

La nostra città ha un estremo bisogno di aggiornare il piano urbano del traffico che, integrato con un piano della mobilità sostenibile innovativo, persegua le strategie di mobilità raggiunte da molti altri capoluoghi italiani.

 

Gruppo Consiliare M5S Novara

Condividi:

PRENDI L’ARTE E NON METTERLA DA PARTE

Condividi:

Sapete qual è l’immobile che pesa di più sulle tasche dei Cittadini Novaresi?

Trattasi del deposito, sito a Biandrate, di opere museali e bibliotecarie di proprietà del Comune di Novara e dei cittadini Novaresi, opere dal valore complessivo di ben 10 milioni di euro tenute nascoste “in cantina” al costo di 63.000 euro annuali.

Il Comune dichiara nero su bianco che ancora non dispone di locali di proprietà idonei, sia sotto il profilo della destinazione che della sicurezza, alla collocazione di questi beni museali ed archivistici presenti nel deposito.

Questo a nostro avviso è uno spreco inconcepibile, queste opere di grande valore   andrebbero invece esposte al pubblico e presentate con vanto e orgoglio ai turisti, contribuendo ad accrescere il fascino culturale della nostra città. Chiediamo quindi all’amministrazione di attivarsi, nel più breve tempo possibile, al fine di rispolverare questo tesoro di beni da troppo tempo nascosti ed individuare ed attrezzare adeguatamente i locali in cui esporli, in modo da renderli accessibili ai cittadini.

“Un’opera d’arte si spegne, impallidisce nelle stanze dove ha un prezzo ma non un valore”                                                                                                                 –     Ernst Jünger

 

- Gruppo Consiliare Movimento 5 Stelle Novara
Condividi:

PROGRESSO E DIGITALIZZAZIONE: L’AMMINISTRAZIONE FACCIA IL PROPRIO DOVERE

Condividi:

Della relazione del contenimento delle spese del 2017 vogliamo evidenziare gli esigui investimenti che riguardano il processo di informatizzazione della macchina comunale.

Pensate che, ad esempio, l’acquisizione di alcuni apparati di rete, destinati alla sostituzione di altri danneggiati o obsoleti, è stata effettuata con materiale di seconda mano, fatto per noi inammissibile

Il processo di digitalizzazione è una trasformazione che va invece programmata e rafforzata attraverso maggiori investimenti, per cambiare radicalmente il modo di operare della pubblica amministrazione e per ottimizzare il rapporto con i cittadini.

Riteniamo dunque necessario progettare una corretta strategia digitale a medio lungo termine e soprattutto mettere in campo maggiori risorse economiche per potenziare le infrastrutture comunali.

I progressi compiuti sinora procedono con troppa lentezza ed è chiaro che per soddisfare la crescente richiesta di servizi on-line occorre dare una decisa accelerata e compiere quel salto di qualità che porterebbe il nostro ente pubblico a diventare un modello innovativo e virtuoso a livello informatico.

 

- Gruppo Consiliare Movimento 5 Stelle Novara

 

 

Condividi:

LA GIOSTRA DEI GIUDICI AL TRIBUNALE DI NOVARA

Condividi:

NOVARA – E’ stata depositata ieri, giovedì, dal deputato Davide Crippa del MoVimento 5 stelle una interrogazione ai ministri della Giustizia, a quello della Semplificazione, della Pubblica amministrazione e dell’Interno, sulla situazione del tribunale di Novara.
«Come spiegato dai mezzi di informazione, il processo di voto di scambio alle elezioni comunali 2011 sarebbe stato “azzerato”, e di fatto da rifare – spiega Crippa -, a causa di movimenti “interni ed esterni” dei giudici della sezione penale. Nel dettaglio, tutti i tre Giudici per le Indagini preliminari sarebbero stati trasferiti ad altra sede, due dei magistrati di dibattimento sarebbero stati costretti quindi a “coprire il buco” e un terzo è arrivato da Brescia ed è stato trasferito dopo soli tre mesi a Verona».
Il processo in oggetto vede imputati Raimondo Giuliano, ex assessore all’Istruzione della città di Novara nella giunta Giordano e consigliere di minoranza durante la giunta Ballaré. e altri 24 novaresi accusati di aver “promesso” il proprio voto a Giuliano.
«Si tratta dell’ultimo caso in ordine di tempo – prosegue Crippa -, testimonianza di una situazione di estrema precarietà dei giudici, un problema che attanaglia Novara».
Il nuovo giudice arriverà a metà maggio e il processo voto di scambio riprenderà il 15 maggio per riascoltare i teste dell’accusa. Una situazione ingestibile anche secondo il Presidente dell’Ordine degli avvocati di Novara, Remigio Belcredi: in una lettera indirizzata a CSM, Ministero della Giustizia, Presidente e Procuratore generale della Corte d’Appello di Torino, specifica come non sia tollerabile che il terzo tribunale in Italia per efficienza nel civile possa essere ostaggio della precarietà dei giudici.
«Si tratta di un problema che sta attanagliando il tribunale di Novara – conclude Crippa -. La mia interrogazione chiede quali soluzioni si intendano mettere in campo al fine di ridurre ai minimi tollerabili la mobilità dei giudici presso il Tribunale di Novara. Una mobilità che causa inefficienza del tribunale e rende evidente la necessità di un suo potenziamento, per risolvere ed evitare situazioni come queste».

Condividi:

#CAOS #TEATROCOCCIA

Condividi:

A seguito delle recenti ed allarmanti vicissitudini che hanno coinvolto la fondazione Teatro Coccia, prima con le improvvise dimissioni del Direttore artistico Renata Rapetti, poi con quelle del Cda, il M5S di Novara ritiene opportuno interpellare il Sindaco Canelli, primo Cittadino con delega alla Cultura, per ottenere i necessari chiarimenti su una questione divenuta ad oggi incomprensibile, ma quanto mai saliente per la nostra città.
Pretendiamo che il Sindaco chiarisca sia il metodo che il merito delle scelte che andranno ad individuare tutti quei ruoli di responsabilità da affidare nell’immediato futuro.
Il Sindaco in questi mesi, ha ostentato ottimismo e tranquillità per le sorti della gestione del teatro, simbolo di Novara e dei novaresi, salvo poi essere smentito dai fatti e da una realtà che evidenzia l’incapacità politica di creare una squadra coordinata e duratura nel tempo.
In nome della trasparenza nei confronti dei Cittadini, il M5S chiede, nel più breve tempo possibile, la convocazione di una Commissione consiliare che vada ad illuminare in modo esaustivo la nebbiosa situazione venutasi a creare.

Gruppo Consiliare M5S Novara
Condividi:

PIÙ #PRIDE E MENO SGARBI

Condividi:

Il MoVimento 5 Stelle di Novara condanna fermamente la decisione del Sindaco Canelli di negare il Patrocinio Comunale alla manifestazione NovaraPride.

In un mondo che ormai ha da tempo sdoganato e riconosciuto diritti per la comunità LGTB, riteniamo questa una scelta ipocrita che riporta la nostra città all’età della pietra.

Non ci stiamo a questa visione bacchettona della nostra città! Non sopportiamo chi fa del movimento LGTB una questione di ‘decoro urbano’ e contemporaneamente abbandona al degrado le periferie! Non accettiamo prese di posizione politicamente ignoranti, divisive e discriminanti.

Mai, alle soglie del 2020, avremmo pensato di dover difendere i diritti dei LGBT addirittura . all’ interno del Consiglio Comunale ma è quello che faremo chiedendo a Sindaco e maggioranza di fare altre scelte e andare in direzione di una Novara dove uguaglianza e libertà di espressione siano intrinseche nella cultura e nel DNA dei cittadini.

Ci chiediamo inoltre come mai in passato il Patrocinio sia stato concesso ad altre manifestazioni apertamente schierate su diritti civili e la famiglia.

Le istituzioni, in un paese democratico, hanno il dovere di sviluppare quella mentalità aperta utile a rispettare e ammettere qualsiasi opinione altrui.

Il Sindaco Canelli ha scelto invece di censurare il NovaraPride dimostrando una mentalità chiusa e bigotta, una concezione del mondo esterno che si ripercuote quotidianamente in evidenti carenze di idee innovative nell’amministrare la nostra città.

A tal proposito ricordiamo al nostro Sindaco che il Pride porterà un rinnovamento nel nostro tessuto sociale, in una Novara da troppi anni povera di eventi e iniziative culturali.

Chiediamo infine al Sindaco di spogliarsi da ogni pregiudizio e offrire il richiesto Patrocinio gratuito, dimostrando così che Novara e i Novaresi sono culturalmente ed eticamente alla pari dei Cittadini di tutte le altre città nel mondo che hanno ospitato questa importante e pacifica manifestazione.

Gruppo Consiliare M5S Novara
Condividi:

NOVARA SUPERCONDOMINIO SAN ROCCO, LA GIUNTA NON DIFENDE TROPPO IL PRESIDENTE  ATC GENONI. SERVE UN COMMISSARIO

Condividi:

L’assessore Ferrari difende Genoni, presidente ATC Nord, ma non troppo. Oggi abbiamo portato in Consiglio regionale il caso della centrale termica del supercondominio “San Rocco” di Novara. Ennesima questione irrisolta dell’Agenzia per la casa del quadrante Nord. In ballo ci sono 202 mila euro di consumi arretrati rimpallati, da anni, tra i proprietari di casa ed i vertici dell’ATC.

Perché non si è ancora trovato un accordo? Cosa ha fatto fino ad ora il presidente Genoni per trovare una soluzione? A giudicare dai risultati si direbbe nulla, infatti non è stato nemmeno in grado di reperire un conto consuntivo dei consumi. Abbiamo così chiesto alla Giunta, come peraltro auspicato dagli stessi residenti, la nomina di un commissario per l’Agenzia nord.

L’assessore con delega alle politiche per la Casa Augusto Ferrari ha chiarito di non poter intervenire in quanto la nomina di un commissario “Su una questione di carattere civilistico e non amministrativo” non è prevista dalle norme. Una difesa nemmeno troppo convinta dell’operato del presidente Genoni, in particolare dopo l’affare delle caldaie delle case di Biella e Vercelli dove ha introdotto un contratto capestro che prevede una tariffa per il gas del 30% superiore ai valori di mercato. Insomma, è il caso di dirlo… Genoni #Staisereno.

 

Gianpaolo Andrissi, Consigliere regionale M5S Piemonte

Mario Iacopino, Capogruppo comunale Novara

Paola Vigotti, Consigliere comunale Novara

Condividi: